“Must do” in Cina

11 11 2009

Di guide e Lonely Planet ce ne sono a pacchi, e quindi non c’è bisogno di fare il tema delle mie vacanze in Cina, ma ecco alcune cose che secondo me sono assolutamente da fare:

1. Dormire in un hotel in stile “Lanterne rosse”.
Noi abbiamo scelto l’hotel “Zhong Tang Hotel” di Pechino, che era una residenza di un primo ministro in epoca feudale. Si spende poco per una camera doppia e l’ambiente è molto suggestivo.

Zhong Tang Hotel

Zhong Tang Hotel - Pechino

IMG_5647

Zhong Tang Hotel

Zhong Tang Hotel - Pechino, la nostra "honeymoon room"

2. Passare qualche ora in una Casa da The.
Di solito sono immerse nel verde o a ridosso di qualche fiume, ma nel caso ne vedeste una anche in centro, potete stare certi che una volta entrati non si sentiranno più i rumori caotici della città. Semplicemente, relax.
Ecco la nostra a Nanchino

Casa da the a Nanchino

Casa da the a Nanchino

Casa da the a Nanchino

Casa da the a Nanchino

Casa da the a Nanchino..di giorno

Casa da the a Nanchino..di giorno

Casa da the a Nanchino..e di notte

Casa da the a Nanchino..e di notte

3. Assaggiare, assaggiare, assaggiare.
Ora, io sono una che mangia solo carne di maiale, pollo, tacchino e vitello, e quindi in Cina ho accuratamente evitato anatra, praticamente ogni tipo di pesce, mucca e (per fortuna visto solo nei ristoranti coreani!) il cane, ma consiglio di fermarsi a un baracchino ambulante e mangiare “on the road”. Se proprio non ce la si fa ad affrontare gli spaghetti di…(non l’ho capito di cosa erano), gli spiedini di mele caramellate sì.

Il menù nel ristorante coreano a base di cane :(

Il menù nel ristorante coreano a base di cane 😦

LaEly e la spiedino di mele caramellate

LaEly e la spiedino di mele caramellate

LaEly e la spiedino di mele caramellate

Essendo in Cina LaEly si adegua alle usanze locali e sputacchia i semi delle mele per terra

4. Sedersi in un giardino buddista
A XiAn, quando siamo andati a visitare il Tempio della Grande Oca Selvaggia, la giornata era stupenda e noi ne abbiamo approfittato sedendoci all’ombra di un giardino con alberi secolari e canne di bambù. La quiete e la tranquillità che vengono emanate in questi giardini buddisti sono davvero particolari. Da provare.

Giardino buddista a XiAn

Giardino buddista a XiAn, nel Tempio della Grande Oca Selvaggia

Giardino buddista a XiAn

Giardino buddista a XiAn, nel Tempio della Grande Oca Selvaggia

Giardino buddista a XiAn

Giardino buddista a XiAn, nel Tempio della Grande Oca Selvaggia

Giardino buddista a XiAn

LaEly che sceglie lo sgabello a forma di elefante nel Giardino buddista a XiAn

 

 

Annunci




Shopping in Cina

28 10 2009

Ovvero: come cercare di limitarsi nelle spese e far passare comunque il bagaglio da 12 kg a 22 kg (e un bagaglio a mano di 17).

“Cosa posso comprare in Cina?”

Pechino – Beijing – 北京
Per chi è interessato, in uno dei quartieri vecchi di Pechino, il Xiaoshibei Hutong (小石碑 胡同) ci si può far fare il proprio sigillo personalizzato. Vengono incisi a mano e si possono fare ottimi affari.
Assolutamente da visitare la via degli antiquari (Liulichang, vicino a piazza Tiananmen). Si trovano mobili, antichità, libri, negozi di the, suppellettili, oggettistica varia. Il posto migliore dove trovare il “tipico cinese”.
Acquistato: brucia-incenso in ottone

IMG_6740
Nanchino – Nanjing – 南京
Niente di particolarmente interessante, solo oggettistica kitsch da turista occidentale.
Acquistato: ombrellino per completare il costume da geisha.

IMG_6145
Shanghai – Shàng Hǎi – 上海
Il quartiere attorno al Yuyuan Garden è solo commerciale e prettamente turistico. Vestiti, gioielli (perle, giada, oro), negozi di the, orologi/borse/penne/abbigliamento che più taroccato non si può.
Una nota per l’abbigliamento (non tarocco): le probabilità di trovare qualcosa per una ragazza alta più di 1.60 è rara. Se poi si porta più della 42, le possibilità si dimezzano ancora. E se si porta più del 38 di piede, conviene rinunciare proprio.
Acquistata: giacca cinese-ma-non-troppo, da poter riutilizzare in Italia senza sembrare vestita da carnevale.

IMG_6378
Sempre a Shanghai, nella via adiacente il quartiere dei Yuyuan Garden, ci sono un paio di vie interessanti, con centri commerciali di soli gioielli (per ogni tipo di tasca, dai 3 ai 30.000 euro), e qualche negozio di antiquari. Per chi come me si era fissato di portarsi a casa un portagioie ma – stupidamente – non l’aveva preso nella via degli antiquari a Pechino, c’è un negozio di solo cofanetti, un vero paradiso.
Acquistato: il cofanetto.

IMG_6739
Wuhu – Wúhú – 芜湖
Uno dei punti principali di Wuhu è sicuramente il Wal-Mart (in Wuhu Zhongshan Road North Branch): è un centro commerciale in stile occidentale, con ristoranti, fast food, supermercato e negozi vari, in cui si possono trovare oggetti inutili quanto perfetti per fare regali (quella tipologia di cazzate che ci si aspetta da un paese così vicino al Giappone).
Acquistati: sarebbe una lista lunga, ma tra le cose principali: animaletti da auto che con la luce solare si mettono a ballare, collanine, pendagli per cellulari, fumetti, e (non meno importanti) le calze di Spongebob.

IMG_6743
IMG_6742
IMG_6745
Per gli appassionati di calligrafia, consiglio di andare nelle vie vicine al Mercato del Fiore e dell’Oca, dove si possono trovare vari negozietti di callìgrafi in cui comprare pennelli, portapennelli, inchiostri e oggettistica varia.

Xi’an – Xī’ān – 西安
Mercato mussulmano: bancarelle con cibo, oggettistica piuttosto scadente e di dubbio gusto (tipo l’orologio che al posto delle lancette ha le braccia del Presidente Mao), vestiti/borse/e-chi-più-ne-ha-più-ne-metta super taroccati. Ma ne vale la pena fare un giro. Personalmente l’ho trovato troppo per turisti, sopratutto per il fatto che è stata la prima volta che ho sentito dei negozianti parlare inglese (questa lingua così sconosciuta in Cina!)
Molto interessante invece  il mercato vecchio ai piedi delle mura. Si possono acquistare libri, wall scroll dipinti (e non stampati come quelli che vendono a Shanghai!), e, tipici di Xi’an, i paper cut (fogli di carta ritagliati minuziosamente con paesaggi, animali, ritratti ecc.) veramente bellissimi.
Acquistato: un paper-cut con paesaggio (foto al più presto disponibile)

Ovviamente ho avuto modo di spendere e spandere in tantissime alte cose..ma la cosa più importante è CONTRATTARE!





The Great Wall by Supersampler

7 10 2009

Cina by Supersampler





Travel in China – Tip n.3

7 10 2009

“Quelli che hanno gli occhi a palla sono stupidi”
Più o meno è quello che pensano i cinesi su di noi. Quindi preparatevi a essere trattati come dei perfetti idioti.
A noi hanno detto che non c’era più taxi disponibili in tutta Shanghai per recarsi all’aeroporto dalle 4 di mattina. Tutti prenotati dalla sera prima.
Certo.
In Cina difficilmente si parla inglese, se si è fortunati alla reception di un hotel in una grande città come Shanghai o Pechino qualcosa capiscono, ma non è detto.
Ovviamente il linguaggio del dinero fa imparare qualsiasi lingua, e infatti nei mercatini e i negozietti per turisti si sentono cori di “Good price” “Look, look” e sanno anche i numeri.
In argomento “shopping”, non posso tralasciare la parola “contrattare”: per loro è normalissimo, quindi via la vergogna da occidentale e calcolatrice alla mano, parte la tratta dei prezzi.
Una nota: basta sapere poche parole di cinese, che già il prezzo si abbassa. Provato e garantito che basta uno “多 稍 钱  [duō shāo qián] – quanto costa?” che si ha uno sconto maggiore che a dire “how much for?”
E comunque la regola generale è di farsi dire il prezzo e ribattere con un altro che sia meno della metà.
Qualche esempio:
bruciaincenso – costo 960, pagato 300
calamite – 1 costo 16, 2 pagate 10
copricuscini – 1 costo 40, 3 pagati 60
cofanetto portagioie – costo 650, pagato 500 ma con scatola più piccola in regalo

Attenzione alla valigia, perchè si rischia di partire con il bagaglio a mano e tornare come loro..

IMG_6067

IMG_6280

Buon divertimento!





Travel in China – Tip n.2

6 10 2009

Più anticorpi per tutti.
I cinesi sono sporchi, è risaputo, ma uno non si immagina quanto fino a quando non vede. Anzi. Meglio saperlo e non vedere.

Esempio 1
Mangia che è buono
Questo piatto di spaghetti fatti sul momento con la frittata e i pomodori di questo “fast food” erano buonissimi (ma davvero!).

IMG_6528

IMG_6533

Sicuramente non sarebbero stati così saporiti se il brodo (si vede la pentola sul fornello sul marciapiede nella prima foto) non avesse avuto una crosta di olio veramente datata nel tempo.

Esempio 1 – bis
“Mangia che è buono – convinciti che lo è!”
Prendi coraggio, scegli un baracchino e vai.

Mangia che è buono!

MAngia che è buono!

[Come si può notare dal momento che sto aggiornando il blog, sono ancora viva.]

Ah volendo si potevano anche provare gli spiedini di uova di quaglia:

Mangia che è buono!

Esempio 2
Shrek dice “meglio fuori che dentro“, e i cinesi lo seguono alla lettera: per strada c’è da fare lo slalom tra la gente che si raschia ben bene la gola e scaracchia. Uomini, donne, non fa differenza.
Nel caso doveste prendere l’autobus per qualche ora – tipo il nostro da WuHu a Shanghai- all’inizio del viaggio vengono distribuiti del sacchetti dell’immondizia neri, per potersi liberare dei mostri che si formano nelle gole catarrose.
Io mi sono parzialmente adeguata quando mangiando le mele caramellate sputacciavo i semi per terra.

IMG_5996

IMG_5997


Esempio 3

Quando scappa scappa.
Credo non ci sia bisogno di tante spiegazioni.

IMG_5922





Chi mi ama mi segua!

17 10 2008

Per rispondere a Tiziano e a tutti quelli che mi dicono “ma tu hai un sacco di soldi, sei sempre in viaggio!”, oltre a dire “assolutamente no, anzi, dato che stiam andando verso il Natale, se vuoi fare un’opera di bene pagami una rata del mutuo”, potrei dare alcune dritte.

1. tenere d’occhio le offerte delle low cost; se si ha in mente una meta precisa, esistono vari motori di ricerca voli che indicano tutte le compagnie che arrivano a quella destinazione, come zingarate.com o skyscanner.net. Ricordarsi che prima si prenota, meno si spende, e per “prima” si parla anche di 4 o 5 mesi.

2. a viaggiare con il bagaglio a mano si risparmia un sacco, soprattutto se si va con la Ryanair: nel giro di un anno siam passati da 8 a 30 euro per il bagaglio da imbarcare. Per un fine settimana un trolley è più che sufficiente; 1 maglia per ogni giorno, 1 per ogni sera, 1 paio di pantaloni, pigiama, mutande, calze. In ostello ci vuole anche l’asciugamano.

3. Se si deve comprare il trolley, è meglio uno morbido perchè in un momento di shopping furente e compulsivo si modifica diventando più ampio. Meglio se è anche dotato di una tasca esterna, in cui mettere la busta per i liquidi che estrarrete senza dover rovistare tra i panni puliti.

4. Per aver delle tariffe basse, bisogna sapersi adattare a orari impossibili: solitamente i voli più economici (Ryan in primis) sono quelli delle 6.00 del mattino, e infatti a Brema e a Bruxelles ho dovuto fare la domenica notte in aeroporto per poi prendere l’aereo alle 6.30 del lunedì. Non mi andava di attraversare la città alle 3 di mattina a piedi perchè non c’erano i mezzi, quindi copertina di pile, mini cuscino e via. Poi ovviamente il lunedi alle 14.00 ero in ufficio.

5. Se possibile, evitare gli autobus Terravision. A Londra son più economici gli Easybus, a Vienna c’è il treno S7  che porta in centro e costa 4 euro andata e ritorno, contro i 16 del CAT e 11 del bus. Il taxi conviene in città come Praga.

6. Prenotare i voli direttamente dal sito della compagnia aerea: si evitano inutili spese di gestione o invio ticket che applicano i siti che fan da tramite, e se ci son ritardi o modifiche vengono comunicate direttamente alla propria email.

7. I siti su hotel e ostelli sono un buon punto di partenza, ma ricordarsi che, a parte qualche offerta, è più conveniente chiedere direttamente tramite mail all’hotel.

8. per i pranzi al sacco rifornirsi nei supermercati, non nei bar. Sicuramente roba più fresca e che costa meno della metà.

9. munirsi di mappe e informazioni sulla destinazione. Le mappe che vendono in libreria sarebbero da abolire, internet le dà gratis… Le Lonely Planet sono molto utili, ma ce ne sono di più economiche e altrettando complete. Inoltre non le trovo tanto affidabili per pub, ristoranti e locali. Infinitamente più attendibili le zingaguide.

10. Imporsi un budget da rispettare, a seconda della meta. In Inghilterra scordatevi di spendere meno di 100 sterline tra sistemazione per la notte, cibo e spese varie; a Praga con 70 € uscite a cena tutte le sere e vi rimangono anche delle corone da portare a casa..

Detto questo..buon viaggio!