Ir de vacaciones

11 09 2008

Nonostante in ufficio mi dicano “ma tu non ci sei mai” e gli amici “beh ma ancora vai via?”, è arrivato il mio turno di andare in ferie, era ora, son sei mesi che non faccio una vacanza! 😀
Dopo una lunga (e faticosa) indecisione sulla meta, ho deciso che faccio una full immersion nell’ idioma español andando sabato 13 e domenica 14 a Saragozza e da lunedi 15 al 22 a Fuerteventura, al Ventaclub International Fuerteventura Park.
Per il fine settimana non è che abbia tanto entusiasmo, doveva essere un weekendone tapas y cerveza con la Raci e invece essendo inchiodata alla Fiera di Gonzaga a lavorare (e a comprare i budini allo stand della San Martino) ci vado in solitaria..vorrà dire che raccatterò qualche francese, olandese o coreana e vamos juntos, no es nigun problema!
La cosa stressante 🙂 è che domenica arriverò a casa alle 22.00 e alle 3.30 del lunedi mattina abbiamo la convocazione al Valerio Catullo con partenza alle 5.45, ma mi basta pensare “Voi a lavorare e a scrivere nei  profili di messenger/skype/myspace/facebook frasi tipo “avrei bisogno di andare in vacanza”” e io che parto  davvero (facendolo notare tipo 3 o 4 volte al giorno)..già questo è talmente divertente che andrei sempre in ferie a settembre solo per quello.
Non preoccupatevi, avendo una bontà d’animo infinita, proverò a pensarvi.
Prima di partire vi ricordo anche che l’ultima volta che son stata in vacanza a settembre mi son fatta una settimana gratis in più perchè c’era stato l’uragano e mi han cancellato il volo..magari anche questa volta c’è qualche sorpresa che mi fa posticipare il rientro.
In cambio vi lascio in custodia la password del pc, dato che ogni volta  che sto via più di 4 giorni deve venire resettata perchè la dimentico: per capirla dovete pensare alla frase “allegri ragazzi a cui piacciono i peperoncini”. Chi la indovina vince un premio.
Ci risentiamo il 23 settembre, nel frattempo lavorate tanto anche per me, che quando torno non ho tempo perchè devo uploadare le foto e aggiornare il blog.
Ah..Metto in memoria un post al giorno con una mia foto al mare, così non sentite la mia mancanza.





Tris di weekend: Parte 2

11 04 2008

Altro giro altro regalo, o meglio: altro weekend, altra destinazione.
Iniziano i fine settimana low cost in Europa in solitaria: prima destinazione Bruxelles, con il volo Ryanair 
From Milan Bergamo (BGY) to Charleroi Brussels (CRL), Sat, 12 Apr 08 at 08:35 and arrive at 10:10
e ritorno
From Charleroi Brussels (CRL) to Milan Bergamo (BGY), Mon, 14 Apr 08 at 06:30 and arrive at 08:05.

Ostello 2Go4 per una notte a € 21.50, in una camera 14 Bed Mixed Shared Facilities, che sembra una minaccia: “La fourtin bed mixed sciared fasilitis o la vita!”

Ovviamente bagaglio a mano striminzito, che se mi avanzano dei soldi, riempirò di cioccolata e birra.
Al momento il planning è di fare la travel card per entrambi i giorni, in modo da avere le entrate aggratis per il Belgian Centre for Comic Strip Art, il Toy Museum, il Belgian Brewers Museum, e lo sconto per l’Atomium.
Altra tappa che devo assolutamente fare è il Planète Chocolat, con degustazione alla fine (ovvio, sennò chi ci andrebbe???!).
Questa volta, l’arte la mettiamo da parte e niente musei con Botticelli, Vasari e Giotto.

Carichiamo macchine fotografiche, cellulari e Ipod, si parte!

Have a Great Weekend!





Febbraio: Frankfurt Am Main

18 02 2008

Tutto è iniziato quando in una lista che seguo ho letto il post “Volete viaggiare gratis?” che TAAAAAAACK mi si sono rizzate le orecchie..fatto sta che su ryanair.com c’è l’offerta “compri un volo, te ne regaliamo un altro”, ma avendo fatto il sito alla cippa di minchia, si può accedere direttamente alla sezione “viaggio a giabba”: e quindi cosa fare se non approfittare della gentilezza altrui??
Y entonces:

GOING OUT    

From Milan Bergamo(BGY) to Frankfurt-Hahn(HHN)    

Sat, 02/FEBRUARY/2008 Flight 5203 Depart BGY at 0630 and arrive HHN at 0750    

COMING BACK    

From Frankfurt-Hahn(HHN) to Milan Bergamo(BGY)    

Mon, 04/FEBRUARY/2008 Flight 5204 Depart HHN at 0815 and arrive BGY at 0930

per un totale di 0.02 €…ed essendo generosa di animo, prenoto pure per due amiche (crepi l’avarizia).

Il passo successivo è affrontare i discorsi da due categorie di esseri umani:
1) dai vari portatori di sfiga universali mi sento dire “se sai tu di questa offerta, vuol dire che lo sa il mondo…arriverai al check-in che il volo sarà in overbooking”, “sarà na cazzata, figurati se danno dei voli gratis”, “va che da qualche parte c’è la gabola”, “arrivi là e manco ci sarà il volo, vedrai!”, ma, alla faccia di tutti sti gufi, mi arriva la mail di conferma…

2) i dispregiatori pessimisti (molti anche repressi):  “Francoforte?!! Ma che città di merda!”
Sì certo non è una Londra o Barcellona..ma chissenefrega..ci sarà pure qualcosa da vedere no? dato che il volo è gratis, perchè no!? A questi basterebbe rispondere “beh io intanto faccio una girata in un posto nuovo..tu sta pure qua a sculacciar le rane” ma sono troppo carina e mi trattengo.

La preparazione prosegue e trovo l’hotel Paris vicino alla Stazione Centrale a 40.00 € la doppia con bagno in camera e colazione compresa: prenotare  subito!

Il sabato mattina alle 3.00 si parte..il viaggio si rivela una sfacchinata ma ne vale la pena: alla facciazza di chi diceva che francoforte è na città morta, capitiamo proprio per la festa di carnevale, con i carri che lanciano caramelle e sacchettini di pop corn ai bambini, e of course, io e la racix siamo in prima fila..
A parte la lotta con le 12 metropolitane (neanche fosse New York), la fissa che hanno per gli orsi (dai negozi di caramelle a forma di orsetto, a quelli esclusivamente a tema) sono da ricordare la Domplatz (la piazza dei duomo) e il ristorante della Paulaner: da qualsiasi parte si vada, ci si ritrova sempre lì…e a cena mi danno uno stinco che a mia detta “tra un pò mi esce anche dalle orecchie, ma lo devo finire”.
Comunque la città è molto carina e interessante, l’abbiamo girata in 2 giorni, averne avuto uno in più, saremmo andate con più calma (ma noi dobbiamo smaltire i cibi unti e bisunti che hanno sti alemani 😛 ).
La sfiga che mi perseguita negli ultimi viaggi (Valencia, Vienna, Madrid) si ripropone sottoforma di sveglia: ci dobbiamo alzare alle 4.00 di mattina per prendere la navetta alle 5.00, e lei non suona..il risveglio è alle 5.20 e nel panico / trambusto / rincoglionimento generale, ci arrendiamo e spendiamo la bellezza di quasi 180.00 € di taxi per raggiungere l’aeroporto di Hahn, con un tassita stordito (“How much time?” “10 minutes” “Sì certo, da qui all’aeroporto ci sono 160 km”), dalla fiata mattiniera veramente imponente, che doveva chiamare i colleghi per farsi dire la strada.
E quindi il budget viene abbondantemente superato arrivando a quasi 300.00 €, ma diciamo che “fa parte del gioco”.

nb: la maledizione della macchina fotografica continua: dopo Madrid, anche qua: prima di partire la compro nuova, e pensando “la batteria dura 1000000000000 ore, spetta che non prendo su il caricabatteria”, mi abbandona dopo qualche foto, e quindi ci affidiamo al cellulare e a una usa&getta di dubbia provenienza (paperopoli o topolina, non tanto in là, data la qualità delle foto). Ma nonostante questo, si possono vedere qui