Mercatini Natalizi: top 20

27 10 2009
Mercatini di Natale

Mercatini di Natale

Ecco la lista dei migliori 20 mercatini europei stilata dal Times per il 2009:

GERMANY
Berlin Nov 26- Dec 31: As befits the modern feel of Germany’s thriving capital, the Christmas markets are more contemporary in look, feel and wares that those in the older cities around Germany. The most popular market, with around four million visitors a year, is at Wilhelm Gedächtniskirche.
Munich Nov 27 – Dec 24: Famous for its Oktoberfest but also for the seasonal market on its town sqare, the Marienplatz. Sample the fare and be sure to check out the local artisan products, including hand-crafted wooden nativity figures.
Nuremberg Nov 28 – Dec 24: Nuremberg is the biggest and perhaps the best in Germany. It is a perfect tinselly treat. Gingerbread is a speciality of the region, so get your finest Hansel and Gretel garb on and feast on that and the speciality sausage – Nuremberger bratwursts.
Trier Nov 24 – Dec 22: Claiming to be Germany’s oldest city with yet another historic Christmas market, this former Roman settlement on the Moselle ticks all then right boxes for a shopping break. It’s not as big as those in the bigger cities but Trier boasts an impressive cathedral and Roman tower as well as an excellent selection of shops.
Cologne Nov 28 – Dec 23: There are six Christmas markets in Cologne, the largest taking place at Neumarkt, with smaller ones including a medieval affair near the Lindt chocolate museum and one that takes place on a boat on the Rhine.

BELGIUM
Bruges Nov 24 – Dec 31: Head to this idyllic old town centre for Belgium’s finest Christmas markets. Channel-hopping on the high-speed Eurostar makes this an easy destination for a christmas shopping dash.
Brussels Dec 1 – Dec 31: The Belgian capital’s market is held on Place St Catherine throughout December. In addition to the shoppnig you can get active on the seasonal ice skating rink.

FRANCE
Strasbourg Nov 29 – Dec 24: Strasbourg hosts the biggest Christmas market in France. It’s been running since 1570, is known as Christkindelsmarik, and takes place by the Cathedrale Notre-Dame and along Place Broglie.
Lille Nov 19 – Dec 30: Taking place in the place Rihour in the centre of town, this month-long market is a short train ride away. Father Christmas attends frequently until the Saturday before Christmas when he ‘falls’ from the Chamber of Commerce’s 80-metre-high Belfry.
Paris Dec 5 – Dec 31: the Paris Christmas markets are held at Boulevard Saint Germain (December 5-31) and the Place Saint-Sulpice (December 10-24). Meet Père Noël and take a drink of vin chaud (mulled wine) in the french capital.

DENMARK
Copenhagen Nov 17 – Dec 30: The Tivoli Gardens in the centre of Denmark’s capital have all the fun of the fair. Rollercoasters and other theme park rides add extra excitement to the masses of Christmas trees, presents, elves and stalls. The gardens are transformed by a huge Christmas Tree and miles of fairy lights: the Tivoli Lights were invented by Tiffany’s head designer John Loring – 1,800 light chains are needed for the willows around The Tivoli Lake.

SWEDEN
Stockholm Nov 25 – Dec 22: There’s markets throughout the Swedish capital, with the main one held daily in medieval old town old town (Gamla Stan) is held daily. There’s a weekend market at the Skansen on Djurgården island that has been running since 1903.

ESTONIA
Tallinn Nov 29 – Jan 7: The chilly Baltic winter is warmed by this market on Raekoja plats, the Old Town Hall Square. It was only started in 1991, but the gorgeous old town makes it seem much more historic.
Krakow Dec 1 – Dec 31: There’s plenty of inspiration for Christmas gifts in this Polish gem of a city. Stunning architecture dates back to the city’s golden age in the 15th and 16th centuries when it was the country’s capital.

CZECH REPUBLIC
Prague Nov 29 – Jan 1: In a country whose patron saint is the subject of his very own Christmas carol, there has to be a superb Christmas market. Good King Wenceslas was the Duke of Bohemia in the 10th century, and Wenceslas Square hosts one of the most famous Christmas markets. The most popular market takes place on the almost impossibly picturesque Old Town Square, with its gothic and baroque church and cathedral and 15th century astronomical clock.

Praha

Praha

Praha

Praha

AUSTRIA
Vienna Nov 15 – Dec 24: You can get shopping from the end of November in Austria’s capital, where the biggest markets are held in front of the city hall, at the Spittelberg and inside the university campus.
Salzburg Nov 20 – Dec 26: Soak up the history and atmosphere in Mozart’s birthplace, one of the best preserved of Europe’s medieval old towns. Perfect for taking in a concert after your shopping spree.

Vienna - Rathaus

Vienna

Vienna

Vienna

SWITZERLAND
Basel Nov 24 – Dec 23: Switzerland’s largest Christmas market is the Weinachtsmarkt in Basel. Be sure to try the traditional St Nicholas pastries and butter cookies. Situated on the Rhine at the borders with france and Germany, this is the best of the country’s fairytale market locations.

HUNGARY
Budapest Nov 21 – Dec 29: This year events get underway on November 29 in Vörösmarty Square in the heart of Pest district, featuring almost 150 colourful stalls. Father Christmas is there on December 6-7. The square will also host daily music, dance and puppet theatre.

SLOVENIA
Ljubljana Dec 1 – 31: Held on the banks of the Ljubljanica river in the heart of the city, Slovenia holds its own in the battle against the more famous destinations.

.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.*.

Considerazioni: ovviamente non ho visitato tutti questi mercatini, ma in cima alla lista avrei messo sicuramente Vienna, seguita da Praga e Berlino. E da qualche parte nella mia lista anche Brema.

Mercatini di Natale 2009

Anche solo con questa foto, non viene voglia di andare a Vienna??!

Consigli: ho letto su molte e attendibili fonti che Colmar è un paese che rende molto per i mercatini natalizi. Peccato la strada da percorrere per un breve weekend sia troppa, ma sicuramente è da mettere nei “must visit”.

Nota:  sarà un caso che nella lista del Times non c’è nemmeno un mercatino di qua delle Alpi??!

Annunci




Tips for hand luggage travellers

2 12 2008

Anche se rimangono da visitare Cork (il prossimo we) e Berlino (per Capodanno), sto traendo le somme  dei fine settimana in solitaria in giro per l’Europa.
Per chi si appresta a fare qualche giorno in una delle località che ho visitato quest’anno, lascio qualche breve consiglio.

Madrid (gennaio)
da evitare la zona Chueca se non si hanno tendenze omosessuali, o si rischia di essere coinvolti in trenini che non vanno sui binari.
E’ d’obbligo “ir de tapas” (fare l’aperitivo) con bocadillos de jamon, patatas bravas y aceitunas (pane con prosciutto crudo, patate con una salsa tipica e olive).

Francoforte (febbraio)
Hotel Paris. Vicino alla fermata del terravision, le camere sono pulite ma non c’è l’ascensore, e assicuro che farsi quella rampa di scale è faticoso anche solo con il trolley. 50.00 € una doppia con bagno.
Per cenare è ottimo il ristorante della Paulaner, piatti grandi e costi accessibili. Consigliato lo stinco.

Zanzibar (marzo)
Il tempo è stato ottimo, nonostante qualcuno mi avesse detto “va che a marzo piove”.
Il Bravo Kiwengwa è veramente bello, cucina eccellente, staff validissimo. Adatto a single o coppie senza bambini piccoli. Per le escursioni ci si può affidare senza nessun problema ai ragazzi sulla spiaggia, anzi l’unica volta che siam rimasti bloccati in mezzo al mare perchè la barca non partiva più, è stato con l’Alpitour.
Accettano solo dollari a testa grande.

Bruxelles (aprile)
Ostello 2GO4: vicino alla metro, è uno degli ostelli più belli in cui sia stata, in cui ogni letto è dotato di una propria presa di corrente, di una luce e di un armadietto, a 11.00 € a notte in camera da 14.
Da evitare è il museo della cioccolata, 5.00 € di ingresso spesi malissimo. Da non perdere invece AutoWorld, il museo delle automobili, interessante anche per chi di motori non se ne intende.

Londra (maggio)
Ostello Bowden Court, 12 sterline a notte. E’ a Notting Hill, a pochi minuti a piedi da Portobello Road, da Hyde Park e dalla fermata della metro Hotting Hill Gate. Per lo standard così orrendo della pulizia inglese, è più che discreto.
Molto interessante ma poco pubblicizzato è il War Museum, interattivo, per avere un’idea di come è un sottomarino, una trincea o una casa al tempo della guerra. Ci sono anche molti reperti della prima e seconda guerra mondiale.
Per chi vuole visitare Madame Tussaud’s consiglio di prenotare i biglietti tramite Expedia (qua si va direttamente alla pagina di riferimento) risparmiando tutta la fila all’ingresso che può durare anche un’ora, per una cena abbondante a suon di musica invece c’è l’Hard Rock Cafè, che non ha bisogno di presentazioni.
Internet gratis lo si può trovare all’Apple Store di Oxford Street e per le signorine che soffrono di shopping compulsivo, poco più in là di Marble Arch (sempre in Oxford Street) c’è Primark, tempio dell’abbigliamento femminile a poco prezzo.
Attenzione al checkin: gli inglesi son veramente fiscali sul bagaglio a mano che deve essere uno, quindi marsupi, borse, borsette e sportine devono stare nel trolley, pena l’imbarco dello stesso (se non sbaglio con Ryanair dovrebbe essere sui 30 €).

Brema (giugno)
Ostello Townside Hostel Bremen molto carino, pulito e vicino al centro, 10.00 € a notte in camera da 5.
La città si visita benissimo in un fine settimana, per la visita alla fabbrica della Beck’s è consigliato prenotare (io non l’ho fatto e son rimasta a bocca asciutta..a fine tour c’era l’assaggio). In ogni caso sono da provare la Beck’s al limone e la gold: la birra costa meno di una bottiglietta di acqua.

Barcellona (giugno)
Alberg Palau, che a dispetto del nome è un ostello. Sistemazione carina (come in inghilterra, la pulizia è spesso un optional in tutta la Spagna). E’ difficile trovarlo la prima volta, è in una piccola traversa di Carrer d’Avinyò, ma è a 2 minuti a piedi dalla Rambla. 21.00 € a notte in una camera da 5.
Tra le tante cose da non perdere c’è assolutamente Casa Battlò, l’ingresso è un pò caro ma viene fornita l’audioguida. Poco più avanti c’è La Vaca Paca, buon ristorante con buffet a prezzo fisso in cui si può mangiare all’infinito.

Siviglia (giugno)
Da evitare nei mesi estivi, si rischia il collasso per il caldo.
Ostello Olé Backpacker, 15.00 € a notte in una camera da 8. Buona la posizione, vicino sia al centro che alla parte meno turistica.
Per la cena consiglio la trattoria Miami, 300 mt dopo il ponte di Isabel II: per il secreto iberico (un enorme piattone con carne di maiale, patate e insalata) e una bottiglia d’acqua si spendono 12.70. E’ aperto la domenica.

Vienna (giugno – luglio – novembre)
Hotel Kolbeck è un pò fuori dal centro nonostante sia vicino alla metropolitana e alla stazione Südbahnhof. La camera è pulita, con bagno incluso, la colazione abbondante e per una doppia si spendono 86.00 €.
Wombat’s The Lounge: per essere un ostello è decisamente caro (20.00 € a notte), ma la qualità è elevata. Pulito, è adatto anche a famiglie con bambini piccoli. E’ in Mariahilfer Straße, la via dei negozi che porta direttamente in centro. L’ostello si trova di fronte alla fermata della Westbahnhof (metro e stazione dei treni).
Per raggiungere il centro, al posto del Cat (treno) e del Terravision (bus) si può prendere il treno S7 che in 35 minuti raggiunge la stazione di Wien Mitte; da lì si può proseguire con la metro, spendendo parecchi euro in meno che con le altre 2 proposte pubblicizzate.
Per cena si può andare in un piccolo pub fumoso ma molto carino, si chiama Alt Wien ed è in Bakerstrasse, vicino alla piazza principale. Un piattone di gulash, una fetta di strudel alla ricotta e acqua naturale intorno ai 10.00 €.
Per la colazione bisogna fermarsi in un qualsiasi fornaio e provare i krapfen, sono con lo zucchero a velo e ripieni di marmellata.

Praga (agosto – novembre)
Anche se era agosto faceva freschetto, quindi meglio attrezzarsi con una giacca. Attenzione che la metro chiude a mezzanotte e si può rischiare di rimanere in qualche zona dispersa senza un taxi a disposizione.
Hostel OZ Apartmenthotels: solo 10.00 € a notte ma lo sconsiglio vivamente. La reception a una certa ora chiude, quindi dopo aver pregato per un’ora sotto alla pioggia che arrivasse un taxi nella stazione dispersa  scritta sopra, ho anche rischiato di fare la notte davanti al portone.
Le camere sono sporche, il bagno neanche parlarne: si possono prendere delle malattie rare che ancora non sono state scoperte.
Decisamente meglio l’Apple Hostel: stesso prezzo ma in pieno centro, reception sempre aperta e abbastanza pulito.
Per cena si può andare in un ristorante (un nome simile a Zeleno Stromu) all’incrocio tra Betlemske Namesti e la via Husova: il gulash, che viene servito in una pagnotta di pane svuotata della mollica, e 2 birre medie sono circa 300 corone (12.00 €). Anche i piatti di carne son enormi.
Economico anche il Nostalgie Restaurant (più vicino al centro, in bybnà 3/650): una zuppa di patate e una birra piccola per poco meno di 4.00 €.
Per le corone è meglio prelevarle dagli sportelli bancomat, in giro ci sono quelli dell’Unicredit che hanno l’opzione della lingua italiana. Meglio lasciar perdere le varie agenzie di cambio, applicano sempre dei tassi loschissimi e percentuali da very bifidus.

Saragozza (settembre)
Purtroppo ci sono pochi ostelli, quindi la scelta è limitata: al Zaragoza Hostel per un letto in camerata da 10 vogliono 25.00 euro; almeno è vicino alla piazza centrale e alla zona dove c’è stato l’Expo.

Fuerteventura (settembre)
Sono stata una settimana al . Il complesso è vicino a Morro Jable, pulito, dotato di ogni comfort ma adatto a famiglie che cercano tranquillità o coppie che si vogliono rilassare. Purtroppo essendo frequentato in maggioranza da tedeschi, la cucina non è proprio il massimo, e ogni giorno vengono riproposti i soliti piatti.
Il mare è spettacolare, sembra di essere ai caraibi e anche a settembre si può fare tranquillamente il bagno.

Liverpool (ottobre)
YHA Liverpool: pulito, con colazione e cena incluse (se cambiassero il cuoco sarebbe decisamente meglio) è vicino all’Albert Dock, dove c’è il museo dei Beatles, poco distante dal centro. Costa in media sulle 20.00 sterline a notte in camerata da 5. Come a Saragozza, non ci sono molti ostelli quindi la scelta è molto limitata.
Vicino c’è la via con tutti i negozi e i centri commerciali, e, essendo meno cara di Londra, si fanno veramente degli acquisti carini.





Praha ano

26 08 2008

Son stata a Praga venerdi, sabato e domenica.
Cosa dire, è stato un fine settimana un pò particolare, in senso negativo però. Oddio niente di grave, è andato tutto bene, ma mi son presa male e non son riuscita ad apprezzare la città magica.
Di sicuro l’arrivo non è stato dei migliori: diluvio e freddo becco. E io pensavo “a Vienna c’era stato caldissimo, spetta che stavolta mi porto dietro le infradito”. Ma c’era poco da far la savattona, avevo addosso 2 felpe e borbottavo…
Ci si mette il fatto che l’aereo atterra con più di mezz’ora di ritardo , e quindi invece che le 22.30 è arrivato dopo le 23.00, ma riesco a prendere il bus che mi porta al capolinea della metro, tal stazione Zličín, anche se una volta arrivata sul posto, la sfiga ha voluto che mi passasse davanti il treno che faceva al caso mio. L’ultimo della giornata.
E quindi son rimasta in un posto che non avevo idea di dove fosse, pieno di barboni e con la pioggia che veniva giu a secchiate ad aspettare un taxi fantasma che, essendo una stazione in culo al mondo, nessuno considerava. Se non avessi letto “praga è una città sicurissima, non preoccupatevi a girare di notte anche da soli”, mi sarei spaventata, anche se ciò non toglie che da quel momento mi sia presa proprio male.
Ma finalmente, dopo un’ora e un quarto di parole non adatte a una “Ely signorina con cui prendere il the”, è arrivato il taxi (il cui conducente sembrava Gesù con l’animo metal), che mi ha portato all’ostello, situato in zona a traffico limitato, e quindi con un ombrellino degno di Krusty il clown, tipo quelli che mettono nei cocktail, mi son messa a cercare il cazzo di ostello. Lo trovo, suono al campanello e non mi risponde nessuno. Mi attacco al citofono e finalmente qualcuno mi farfuglia qualcosa, devo solo sperare che mi abbiano detto in qualche maniera “ti vengo ad aprire la porta”, e infatti è stato cosi.
Si son presentati due ragazzi francesi che mi han spiegato che la reception chiudeva a mezzanotte (era oltre l’una) e che loro erano semplici guests ma che in casa (perchè più che un ostello era un piano di un palazzo e c’erano solo 2 camerate da 8 ) regnava l’anarchia. Anzi a dir la verità regnava l’alcol, dato che non appena ho messo un piede in casa avevo già una bottiglia di birra da 50 cl in mano: co lfatto che pioveva, entrambi i due gruppi che affollavano le camere (uno di francesi e uno di olandesi) non erano usciti e stavano festeggiando l’ultima sera perchè tutto gli olandesi e alcuni francesi se ne sarebbero andati la mattina seguente. E quindi la nottata ha preso una svolta decisamente positiva, tra bottiglie di birra, misciotti di vodka e succo d’arancia (o coca cola), bustine di tabacco tra i denti e ragazze che si addormentavano per terra.
Purtroppo però la mattina è arrivata fin troppo presto, gli olandesi se ne vanno e io mi appresto a girare la città: c’è un tempo che in 30 secondi passa dal sole alla pioggerellina, di quella fastidiosa che rompe le balle, e io, che il giorno precedente non stavo per niente bene e son partita lo stesso e ho tirato le 4.30 del mattino a bere, non son per niente in forma. Non ho voglia nè di camminare nè di prendere del freddo, e quindi mi rinchiudo in un centro commerciale, almeno lì c’è caldino..
Ma oramai la giornata è persa. Torno in ostello e la camera è invasa da ragazzi romani, con cui faccio conoscenza e a cui mi aggrego per la cena. Son talmente poco mostosa che rinuncio ad andare a ballare, la serata si conclude così.
La domenica è l’ultimo giorno, faccio un giro sommario per la città con uno di loro, Simone, poi si aggiungono anche gli altri, ma già alle 15.30 torniamo in ostello che io devo prendere il trolley e dirigermi all’aeroporto.
Weekend finito, peccato che sia andata così, ma confido nel fatto che la magia del Natale mi faccia vedere Praha con un’altro spirito, dato che ci torno a fine novembre.
Per il momento questo weekend è proprio l’opposto dell’unica parola che ho imparato di praghese: “si”, che si ceco si dice “ano“.