Non sono stata io!

11 08 2009

“15 luglio 1997: USA, a Miami viene ucciso Gianni Versace”
15 luglio 1997: la Ely è a Los Angeles all’aereoporto per tornare a casa.

“12 settembre 2004:  L’uragano Ivan devasta la Jamaica
14 settembre 2004:  la Ely arriva a Montego Bay

“4 marzo 2009: Londra paralizzata dalla neve. La peggiore nevicata degli ultimi 18 anni”
5 marzo 2009: la Ely si sarebbe dovuta recare a Londra, ma rinuncia perchè il volo parte con quasi 8 ore di ritardo.

“31 luglio 2009: Bomba a Palma di Maiorca – l’Eta uccide due poliziotti”
“9 agosto 2009: Bombe dell’Eta a Palma di Maiorca
26 agosto 2009: La Ely arriverà a Palma

“9 agosto 2009:  Cina, il tifone Morakot abbatte un hotel a Taiwan”
14 settembre 2009: la Ely arriverà a Pechino

“Ely non hai mai considerato l’ipotesi di startene a casa e di lasciar vivere le persone?
Marco K., 10 agosto 2009

Una Ely recidiva ma sconsolata

Una Ely recidiva ma sconsolata afferma: "non sono stata io!"

Annunci




“Should do” e misteri (della mente maschile)

14 05 2008

leggendo il Glamour UK:

16 things every man should do for the woman he loves

1 ) Slow down in bed
2 ) Speed up on the toilet
3 ) Buy you tampons without feeling emasculated
4 ) Commit your dress size to memory, because what’s more depressing than trying on a wrong size gift?
5 ) Before he leaves on a trip, give you a sappy card that says how much he’ll miss you. (Extra credit: delivers it with a breakfast in bed).
6 ) Send you a massive bouquet of flowers at work (ideally on a Monday, so you can flaunt it all well)
7 ) Cook you a meal that involves more ingredients than pasta and pasta sauce.
8 ) Afterwards, clean up the dishes
9 ) Memorize this mantra: “If I’m going to be late, call. If I’m going to be late, call” 
10 ) Ask you as many questiond as he answers
11 ) Toss out the blue-and-red tartan flannel bedding he had at university and replace it with something else
12 ) Agree to visit your parents for the weekend. Without complaining
13 ) Look you directly in the eye during all greetings, request, declarations of love and sex
14 ) Listen while you’re bitching about friends / colleagues / life in general..and do some bitching of his own
15 ) understand that you should come first (both bed and out)
16 ) stop harping on about threesomes and anal sex and be happy with the sweet deal he already has

Ok, non sono quelle fontamentali, ma possono essere un buon punto di inizio.
A parte il 3 e 11 che sono abbastanza  insulsi, il 9 penso sia inciso nel pezzo mancante di stanghetta che differenzia il cromosoma Y dall’ X, dato che per il popolo maschile è buio totale.
Cioè non ce la fanno proprio, forse perchè molte volte quando un gruppo è caratterizzato per la maggior parte da individui XY, subisce una lobotomia, e questa situzione peggiora soprattutto se nel raggio di 200 metri ci sia qualsiasi liquido con un grado alcolico superiore ai 5°.
Purtroppo questo fatto del “non-riesco-a-comporre-un-numero-di-telefono”, si estende anche all’ambito familiare.
Mi vengono in mente i discorsi che mi facevano i miei compagni di viaggio durante la prima vacanza in Jamaica qualche anno fa:
io “Ale guarda che tua mamma ha chiamato la mia, è preoccupata perchè non ti sei fatto sentire”
lui “non c’è dubbio che io chiami, siamo in vacanza e voglio staccare, se non mi sentono è perchè va tutto bene”.
e l’altro “Sì, dabòn!” 
Boh.
Ricordo perfettamente che siamo arrivati di martedì e la domenica prima c’era stato l’uragano.
Praticamente tutti i villaggi lì intorno erano devastati, noi eravamo senza luce (ci è andata di culo che l’acqua l’avevano riallacciata qualche ora prima che arrivassimo), e tutto questo lo sapevamo benissimo anche prima di partire…magari con sta situazione incasinata qualche preoccupazione a casa ce la potevano avere no?
Eppure niente da fare, il tempo per gli amici si trovava sempre “oh qua è tutto distrutto e non si può fare niente, ma tranqui, ci svarzelliamo da mattina a sera più di quello che avremmo fatto in una vacanza normale”, e invece il tempo per mandare un sms a casa “Siamo arrivati, tutto ok, siamo in totale 10 in 3 villaggi e ci hanno messo in quello più bello”, no.
Misteri.
Penso che al ritorno a casa, invece che “bentornato” ci fosse un calcio nel culo.
Peccato non aver potuto assistere, io ero in macchina da sola perchè avrei dovuto fare una settimana, invece col fatto che sarei stata l’unica di tutto il gruppo a fare la vacanza breve, mi hanno proposto un bel ritorno Negril – New york | New York – Cancun | Cancun – Milano, di circa 24 ore. L’alternativa era passare lì un’altra settimana gratis.
E quindi per il fatto che “quando ci sono gli scali sto male”, tra i vari “ma tu con 1200 euro ti fai 2 settimane, noi ne abbiamo spesi 1600”, “che cul”, e “brutta culattona” (detta alla jandolo) ed altre esclamazioni non-per-signorine,  a malincuore sono rimasta 🙂 .
Sarà stato il posto, sarà stato lo svarzellamento collettivo da mattina a sera, sarà che mi sono adeguata allo spirito vacanziero “non-riesco-a-comporre-un-numero-di-telefono” dei miei compari, come potevo avvisare in ufficio che non sarei tornata al lavoro?
Ovviamente con un sms a una collega (neanche al capo!) in formato telegrafico “mi hanno cancellato il volo, sto qua un’altra settimana, ci vediamo quella dopo”.

Quindi anche io ammetto che in alcune occasioni ho avuto l’encefalogramma piatto, ma perlomeno “I can buy tampons without feeling emasculated” e “before I leaves on a trip, give you a sappy card that says how much I’ll miss you”

Sunset - Negril, Jamaica

ps: le altre foto sono qua.
Sono solo una parte, perchè certe sono troppo da svarzellamento collettivo da mattina a sera.