Chi mi ama mi segua!

17 10 2008

Per rispondere a Tiziano e a tutti quelli che mi dicono “ma tu hai un sacco di soldi, sei sempre in viaggio!”, oltre a dire “assolutamente no, anzi, dato che stiam andando verso il Natale, se vuoi fare un’opera di bene pagami una rata del mutuo”, potrei dare alcune dritte.

1. tenere d’occhio le offerte delle low cost; se si ha in mente una meta precisa, esistono vari motori di ricerca voli che indicano tutte le compagnie che arrivano a quella destinazione, come zingarate.com o skyscanner.net. Ricordarsi che prima si prenota, meno si spende, e per “prima” si parla anche di 4 o 5 mesi.

2. a viaggiare con il bagaglio a mano si risparmia un sacco, soprattutto se si va con la Ryanair: nel giro di un anno siam passati da 8 a 30 euro per il bagaglio da imbarcare. Per un fine settimana un trolley è più che sufficiente; 1 maglia per ogni giorno, 1 per ogni sera, 1 paio di pantaloni, pigiama, mutande, calze. In ostello ci vuole anche l’asciugamano.

3. Se si deve comprare il trolley, è meglio uno morbido perchè in un momento di shopping furente e compulsivo si modifica diventando più ampio. Meglio se è anche dotato di una tasca esterna, in cui mettere la busta per i liquidi che estrarrete senza dover rovistare tra i panni puliti.

4. Per aver delle tariffe basse, bisogna sapersi adattare a orari impossibili: solitamente i voli più economici (Ryan in primis) sono quelli delle 6.00 del mattino, e infatti a Brema e a Bruxelles ho dovuto fare la domenica notte in aeroporto per poi prendere l’aereo alle 6.30 del lunedì. Non mi andava di attraversare la città alle 3 di mattina a piedi perchè non c’erano i mezzi, quindi copertina di pile, mini cuscino e via. Poi ovviamente il lunedi alle 14.00 ero in ufficio.

5. Se possibile, evitare gli autobus Terravision. A Londra son più economici gli Easybus, a Vienna c’è il treno S7  che porta in centro e costa 4 euro andata e ritorno, contro i 16 del CAT e 11 del bus. Il taxi conviene in città come Praga.

6. Prenotare i voli direttamente dal sito della compagnia aerea: si evitano inutili spese di gestione o invio ticket che applicano i siti che fan da tramite, e se ci son ritardi o modifiche vengono comunicate direttamente alla propria email.

7. I siti su hotel e ostelli sono un buon punto di partenza, ma ricordarsi che, a parte qualche offerta, è più conveniente chiedere direttamente tramite mail all’hotel.

8. per i pranzi al sacco rifornirsi nei supermercati, non nei bar. Sicuramente roba più fresca e che costa meno della metà.

9. munirsi di mappe e informazioni sulla destinazione. Le mappe che vendono in libreria sarebbero da abolire, internet le dà gratis… Le Lonely Planet sono molto utili, ma ce ne sono di più economiche e altrettando complete. Inoltre non le trovo tanto affidabili per pub, ristoranti e locali. Infinitamente più attendibili le zingaguide.

10. Imporsi un budget da rispettare, a seconda della meta. In Inghilterra scordatevi di spendere meno di 100 sterline tra sistemazione per la notte, cibo e spese varie; a Praga con 70 € uscite a cena tutte le sere e vi rimangono anche delle corone da portare a casa..

Detto questo..buon viaggio!


Azioni

Informazione

One response

19 10 2008
worldsitetravellers

Complimenti, non avrei saputo scrivere di meglio! Questo post è un concentrato essenziale di Worldsitetravellers…saresti una perfetta World Site Traveller Blogger…come me insomma! A presto!




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: